Mercoledì 16 luglio, “Zero spaccato”:
Al termine della serata si avvicinano un signore ed una signora. Non li conosco, mi sembra che siano venuti anche l’anno scorso. Sono molto brevi, ma parlano come chi ha davvero urgenza di...

 

CONTINUA SU TEATROCITTA.NET >>>

IL GIARDINO DELLE PERSONE

In un’opera teatrale di Cechov si narra di un “giardino dei ciliegi” che verrà distrutto. Insieme alle piante, si perderà un luogo degli affetti, della memoria, della bellezza. In compenso, l’artefice dell’operazione ricaverà un sacco di soldi lottizzando il terreno per permettere la costruzione di villette turistiche.
Cechov scriveva agli inizi del Novecento, nel frattempo l’ipotesi che tutto il vivente, persone comprese, sia fondamentalmente qualche cosa dalla quale estrarre la maggiore quantità di ricchezza possibile è diventata un principio assoluto in grado di condizionare fortemente il destino dell’intera umanità. Il paradosso è che più si afferma questo principio più cresce il numero dei poveri. C’è qualche cosa sulla quale dovremmo tornare a riflettere, evidentemente. A livello profondo.

Disponibile il Programma dell'edizione 2014 de

"Il Paese Mediterraneo" !!!

 (clicca sull'immagine per scaricare il pdf)